CastelliToday

Albano: troppi incidenti, al via una campagna per la sicurezza stradale

I consiglieri comunali di opposizione, in particolare legati al Partito Democratico, hanno lanciato una campagna per la sicurezza stradale. Su blog e social network i cittadini denuncia la situazione. Si attendono ora risposte concrete

Quante volte capita di accendere la televisione e sentire notizie raccapriccianti su incidenti stradali, uccisione di pedoni e chiedere maggiore sicurezza stradale? Sicurezza stradale che da qualche tempo a questa parte sembrerebbe necessaria anche per i cittadini di Albano nei Castelli Romani, dove troppi ma troppi incroci stradali presentano un alto rischio di pericolosità per gli automobilisti e anche per i pedoni.

Se si percorrono le strade cittadine è facile individuarli e magari ritrovarsi in qualche pericolo. Per questi motivi i consiglieri comunali di opposizione, in particolare legati al Partito Democratico, hanno lanciato una campagna per la sicurezza stradale, per chiedere maggiore manutenzione e sicurezza stradale su tutto il territorio albanense e dare maggiori certezze ai cittadini automobilisti e pedoni.

Al Sindaco sono state indirizzare una serie di interrogazioni e sono stati diffusi manifesti e comunicati stampa per divulgare la campagna alla cittadinanza.  Il penoso stato in cui versano le strade dell'intera città ed i numerosi disagi che si subiscono quotidianamente, per non parlare dei danni agli autoveicoli hanno spinto non solo i consiglieri comunali, ma anche i cittadini a riunirsi su blog e social network per chiedere una migliore manutenzione stradale e magari il risarcimento al Comune per i danni materiali subiti.

I comitati di quartiere invece cercano di farsi sentire e far passare il messaggio che la sicurezza dei cittadini passa anche nel garantire percorsi pedonali sicuri: tra le tante, giuste, rivendicazioni spicca la richiesta della messa in sicurezza di uno strategico, quanto pericoloso, attraversamento pedonale da anni scenario di numerosi incidenti e travolgimenti dei pedoni, come da ultimo il recente investimento di una ragazza.

Nel tratto di strada, percorso ad alta velocità e pericoloso per i pedoni, l'installazione di un semaforo, cosa richiesta dai comitati cittadini, avvenuta alla fine del 2004, non ha avuto alcun effetto, funzionando solo due giorni.

Per questo una delle interrogazioni presentate dai consiglieri comunali chiede che il semaforo esistente, necessario per raggiungere un popoloso quartiere cittadino, il vicino ufficio postale ed il mercato settimanale, si trasformi in un semaforo pedonale a richiesta. L'unica cosa è attendere per degli interventi concreti per una maggiore manutenzione e sicurezza stradale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero Roma Tpl, lunedì 18 novembre a rischio i bus in periferie: orari e fasce di garanzia

  • Pizza Awards Italia 2019, Roma stupisce: ecco le migliori pizze della Capitale (e del Lazio)

  • Incidente a Romanina: scontro tra auto, morta una mamma. Grave la figlia

  • Sciopero, oggi a rischio bus Cotral e Roma Tpl: gli orari e le linee interessate

  • Meteo Roma, peggiorano le previsioni: l'allerta diventa "codice arancione"

  • Manifestazione dei pensionati e sit-in dei pendolari: sabato attese oltre 20mila persone a Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento