CastelliToday

Santa Palomba Città dinamica? No, solo un nuovo quartiere periferico ai confini dei Castelli Romani

Il 22 novembre scorso Cassa Depositi e Prestiti ha presentato il nuovo centro residenziale da 1000 appartamenti in località Santa Palomba a ridosso della zona industriale e del cimitero di Albano

Cassa Depositi e Prestiti (CDP) ha ufficialmente presentato il progetto residenziale denominato "Santa Palomba Città Dinamica" che vedrà sorgere in un'area a già alta densità abitativa al confine con il comune di Albano, mille nuovi appartamenti e attività commerciali.

La presentazione del progetto urbanistico, avvenuta lo scorso 22 novembre a cantieri già avviati, è stata organizzata senza pubblicità e senza coinvolgere gli organi di stampa o annunci sui siti istituzionali degli enti che finanziano il nuovo quartiere periferico di Roma.

Nessun invito ufficiale ai sindaci dei comuni confinanti se non nel giorno stesso della presentazione. Nonostante il preavviso di appena tre ore il Sindaco, il Vicesindaco e l’Assessore all’Urbanistica di Albano, un consigliere del IX municipio e l’Assessore all’Urbanistica di Ariccia hanno partecipato insieme a un folto seguito di Comitati e associazioni ambientaliste che da mesi hanno lanciato l'allarme su un progetto che sebbene sorgerà tecnicamente nel comune di Roma, riverserà i suoi effetti demografici sui comuni dei Castelli Romani limitrofi.

I promotori hanno illustrato un progetto con palazzi di 7 piani, spazi comuni, negozi di prossimità, una scuola elementare e un asilo nido per complessivi 300 bambini, con esempi di rigenerazione urbana realizzati a Milano e a Torino, che nulla hanno a che spartire con la campagna ultra periferica di S. Palomba, rischiando di creare una nuova Corviale.

Comitati e amministratori locali: "Progetto avulso dal contesto in cui sorge"

Sia gli amministratori locali che le associazioni presenti hanno evidenziato le criticità di un progetto avulso dal contesto, che aggiunge 4.000 abitanti in un territorio che sta adeguando faticosamente le infrastrutture ai residenti attuali. Progetti similari realizzati ormai venti anni fa sempre nell'area di Santa Palomba soffrono tutt'oggi di carenze strutturali, servizi e mezzi di trasporto pubblico adeguati.

"A distanza di 20 anni le 300 famiglie di Borgo Sorano, già costruito dalla CoGeSan nel 1999, come altri quartieri limitrofi, ancora non hanno l’allaccio idrico - riferiscono dai comitati cittadini - Lo stesso vale per i servizi di trasporto, cronicamente senza risorse, mancano i soldi per incrementare treni e autobus già pieni, per fare la manutenzione alle strade".

"Per non parlare del bisogno di tutela della falda idrica dei laghi di Albano e di Nemi, minacciata dall’ulteriore consumo e impermeabilizzazione di suolo. Problemi che verrebbero aggravati se si realizzasse una 'deportazione' di una popolazione di un paese grande come due volte Nemi, tra l’altro, ad appena un chilometro dalla discarica di Cerroni sull’Ardeatina, esponendo migliaia di persone a miasmi e rischi per la propria salute".

Il rappresentate di Dea Capital (trai finanziatori del progetto) ha invitato i sindaci a un incontro interlocutorio sulle questioni sollevate.

L'Amministrazione Comunale di Albano audita dal IX Municipio di Roma Capitale

L’Amministrazione Comunale di Albano Laziale, con il Vice Sindaco Maurizio Sementilli e l’Assessore all’Urbanistica Stefano Iadecola, hanno preso parte all’audizione della Commissione Urbanistica del IX Municipio di Roma Capitale che si è tenuta il 20 novembre, proprio sul Programma Integrato “Santa Palomba”.

Il Comune di Albano Laziale, al fianco dei comitati cittadini, ha evidenziato le gravi criticità dell’intervento urbanistico, perlopiù residenziale, predisposto dal Comune di Roma Capitale in una zona a ridosso del territorio albanense.

L’Amministrazione Comunale di Albano Laziale ha sottolineato come non sia stata interpellata né coinvolta nei procedimenti di approvazione del Programma Integrato, che porterebbe ad un consistente incremento di traffico e viabilità su Via Cancelliera nel territorio di Albano Laziale, senza aver previsto ulteriori opere infrastrutturali per ridurre i conseguenti disagi. Sulla stessa area l’Amministrazione Comunale di Albano Laziale ha inoltre previsto la realizzazione del nuovo cimitero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: oggi a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Weekend dell'Immacolata a Roma: che fare sabato 7 e domenica 8 dicembre

  • 8 dicembre, festa per l'Immacolata e Spelacchio a piazza Venezia: strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero a Roma: domani a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Ostia piange Simone, il bimbo di 11 anni morto dopo un malore a scuola. Indaga il Pm

Torna su
RomaToday è in caricamento