CastelliToday

Castelli Romani, primi due decessi per il Coronavirus

Le due vittime residenti a Lariano, a darne notizia il sindaco Maurizio Caliciotti. Nell'Asl Roma 6 oggi si registrano 16 contagi

Prime due vittime nei Castelli Romani per il Coronavirus. Le vittime erano residenti a Lariano, a darne notizia è stato il sindaco Maurizio Caliciotti: "Cari cittadini, in un momento così delicato in cui ognuno sta facendo il massimo sforzo per fronteggiare questa difficile emergenza sanitaria, mi addolora darvi questa notizia - scrive il primo cittadino di Lariano sui social Network - Purtroppo sono stato informato del decesso di due nostri concittadini che erano ricoverati in strutture ospedaliere. A nome di tutta la comunità porgo le mie condoglianze alle famiglie colpite da questo grave lutto".

Intanto nel territorio di competenza dell'Asl Roma 6 oggi si registrano 16 nuovi casi positivi, dato in linea con quello dei giorni precedenti. Al momento nelle singole realtà comunali si regitrano 16 positivi a Marino, 17 a Velletri e 22 a Frascati. A Grottaferrata il focolaio più grande con il convento delle Suore Camilliane posto in isolamento a cui si aggiungono ulteriori 20 casi positivi in città. Il sindaco Luciano Andreotti ha comunicato anche la positività di 4 pazienti dell'Istituto Eugenio Litta che ospita pazienti con diversi livelli di disabilità, il contagio sembra essere contenuto.

Il sindaco di Albano: "Proteggiamo i malati, niente più dati per il singolo comune"

In contro tendenza rispetto agli eltri sindaci dei Castelli Romani, il sindaco di Albano Nicola Marini ha deciso di non comunicare più i singoli dati dei malati del solo comune albanense ma di dare il dato aggregato dell'intera Asl Roma 6 per tutelare i malati e le loro famiglie.

"Abbiamo un compito fondamentale come Istituzione che non deve venir meno nemmeno nelle emergenze: tutelare i più fragili. E i più fragili, in questo momento, sono ANCHE le persone positive, poi le loro famiglie - scrive Nicola Marini sindaco di Albano -  Non è una gara a chi è più bravo, o più trasparente, perché non c’è nessun segreto da tenere nascosto, ma c’è da salvaguardare la tutela della tranquillità delle persone colpite da Coronavirus".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ma, ammesso che superassimo queste remore, ci troveremmo subito di fronte anche al problema di merito. Visto la conformazione topografica dei nostri comuni, con il territorio e le abitazioni di uno che si infila dentro quello limitrofo, senza soluzione di continuità, ha senso sapere quanti positivi ci sono ad Albano Laziale, o invece ha più senso il dato aggregato dell’intera ASL? E poi, che importanza ha sapere se sono 1,10 o 100, quando l’unica cosa che conta è rimanere a casa? Cerchiamo di far prevalere il senso di responsabilità, perché come ha detto Papa Francesco 'siamo tutti sulla stessa barca'!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento