homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Castelli Today

A Lanuvio c'è un asilo nel bosco

E' il primo asilo del genere nei Castelli Romani e trai pochissimi in Italia. Importando le esperienze didattiche del Nord Europa si cerca di far convivere i bambini con la natura

L'asilo nel bosco di Lanuvio

E' una delle ultime frontiere didattiche e pedagogiche che si sta diffondendo in tutta Europa dopo le positive esperienze dei paesi del nord europeo come la Germania e i paesi scandinavi. Stiamo parlando dei cosiddetti "asili nel bosco", delle scuole materne dove la maggior parte delle ore di lezione si tiene a contatto con la natura, tra piante e animali e sporcandosi le mani con la terra. Questo innovativo modo di approcciare i bambini dai 3 ai 6 anni alla scuola vede due esempi in Italia, il primo a Ostia e l'altro nei Castelli Romani a Lanuvio.

A confine trai comuni di Genzano e Lanuvio lungo la via Sforzesca sorge l'Asilo nel bosco presso la struttura della Casa di Pietro. Un'avventura didattica che vede la collaborazione dell'associazione di genitori Arti in viaggio che doveva partire l'anno prossimo, ma che le autorizzazioni pronte e già le prime iscrizioni hanno fatto partire già da questo anno scolastico.

Come funzione un "asilo nel bosco", lo abbiamo chiesto a uno degli educatori Simone che dopo un'esperienza ventennale nelle tradizionali scuole materne ha deciso insieme a una collega di portare a Lanuvio questa nuova tipologia di scuola.

"La maggior parte del tempo i bambini la trascorrono all'aria aperta. Iniziamo la nostra giornata con il saluto al sole con canti e filastrocche e poi passeggiate didattiche e attività a contatto con la natura dalla vendemmia alla raccolta delle olive e attività manuali e motorie. I bambini sono ben attrezzati con scarpe e vestiti antivento e ovviamente quando sono gli stessi bambini a richiederlo ci sono spazi al chiuso per il loro riposo e in caso di maltempo", racconta Simone.

Per questo primo anno di sperimentazione l'asilo nel bosco di Lanuvio effettua il suo servizio solo la mattina dal lunedì al venerdì, ma nulla esclude che il prossimo anno possa allungarsi l'orario di permanenza dei bambini. Essendo un'associazione culturale l'asilo nel bosco che rispetta tutte la tabelle ministeriali ha prezzi molto popolari e soprattutto si cerca di avere classi piccole con al massimo 15 bambini per evitare l'affollamento che si ha nelle scuole tradizionali.

"Crediamo in uno sviluppo armonioso e sano per i nostri figli, un ritorno alla terra e alla natura", chiosa Simone. L'Asilo nel bosco organizzerà nel corso dell'anno conferenze di presentazione con il supporto della rete delle biblioteche dei Castelli Romani per far conoscere questo metodo didattico a contatto con il creato.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Travolge scooter con l'auto e scappa a piedi: morti due fidanzati a Santa Severa

    • Cronaca

      Incendio all'Esquilino, fiamme all'ultimo piano di un palazzo: strada chiusa

    • Cronaca

      Atac, via all'orario estivo: "Da oggi il trasporto si adegua alle presenze in città"

    • Politica

      Giunta Raggi, Laura Baldassarre sarà assessore alle Politiche sociali

    I più letti della settimana

    • Nemi: da benzinai ad agricoltori sinergici, la storia vincente di Simona e Marco

    • Nemi: nel profondo del Lago si cerca la terza nave di Caligola

    • Rocca di Papa: il neosindaco Crestini subito alle prese con la questione "migranti"

    • Tre giorni di eventi, oggi gran finale della Festa della musica di Lanuvio

    • Monte Compatri: 170mila euro spesi per un archivio digitale mai realizzato

    • Lariano: il giovane regista Andrea Abbafati presenta il suo “140° Giorno”

    Torna su
    RomaToday è in caricamento