CastelliToday

Nemi: per motivi di sicurezza la Città metropolitana chiude i viadotti, città isolata

Il borgo dei Castelli Romani è di fatto isolato per la chiusura dei viadotti per motivi di sicurezza strutturale. Per raggiungere le due parti della città bisogna passare attraverso Genzano

Il ponte sulla via Nemorense (Foto da Facebook)

La cittadina di Nemi, piccolo borgo dei Castelli Romani, è di fatto isolata e l'accesso alla città è limitato a seguito del provvedimento della Città Metropolitana che per motivi di sicurezza ha chiuso al transito veicolare e pedonale i viadotti e il ponte sulla Via Nemorense. Transito interrotto anche su Via Riccardo De Sanctis.

Sul ponte, in evidente stato di usura strutturale, sono stati rilevati problemi di staticità. In una breve nota di stampa diffusa dall'amministrazione comunale si legge che questa " si sta adoperando per trovare una mediazione", visto che di fatto una parte della città è tagliata fuori dai collegamenti stradali e per raggiungerla è necessario scendere fino alla vicina Genzano tramite l'Appia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Massimiliano Borelli (PD): "Serve programmazione sulla infrastrutture"

Il consigliere della Città Metropolitana, Massimiliano Borelli, esponente del Partito Democratico, è molto critico sulla chiusura del Ponte di Nemi senza una programmazione di manutenzione: "I problemi strutturali non si risolvono con le bacchette magiche o interventi a pioggia, ma con la programmazione. Per fare questo serve un Governo Metropolitano che faccia le proposte e coinvolga il Consiglio nelle scelte. I 5 stelle sono in vacanza perenne, il Consigliere delegato DeVito non pervenuto. Sono quindi chiare le responsabilità politiche di chi, da oltre due anni, siede virtualmente a Palazzo Valentini. Nel frattempo i dirigenti, che si sentono lasciati soli da una politica urlatrice, che scarica su di loro tutte le responsabilità, fanno il loro dovere. Il rischio è che casi come Nemi, complice il cambiamento climatico, diventino decine. Il bando delle periferie, che metteva dei finanziamenti, è congelato. Altri 11 milioni di euro sul versante costiero persi nei meandri capitolini. E intere comunità, restano isolate", si legge sul suo profilo Facebook

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagi: sono 2710 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 2754 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

Torna su
RomaToday è in caricamento