CastelliToday

Nemi: puliscono il lago e trovano un ordigno bellico

Nella giornata di ieri un gruppo di cittadini su iniziativa del Movimento 5 stelle aveva organizzato la pulizia delle sponde del Lago di Nemi. Durante la pulizia è stato ritrovato un ordigno bellico della seconda guerra mondiale

L'ordigno ritrovato durante la pulizia del Lago di Nemi

Una giornata di pulizia straordinaria delle sponde del Lago di Nemi: questa l'iniziativa organizzata nella mattinata di ieri dagli attivisti del Movimento cinque stelle dei Castelli Romani, in concomitanza con la festa del movimento svoltasi nel fine settimana appena trascorso a Genzano.

Una discarica a cielo aperto quella che si sono trovati davanti agli occhi gli attivisti grillini: calcinacci e materiali di risulta, bottiglie di vetro e di plastica, copertoni, borchie, materassi, pezzi di carcasse di auto e cassoni di eternit, lasciati sul posto per permettere la rimozione sicura.

Tra un copertone e l'altro però gli spazzini per un giorno hanno trovato un rifiuto molto particolare: è stato infatti rinvenuto un ordigno bellico inesploso sulle sponde della strada che da Piazza Dante scende lungo via Diana e conduce al Lago di Nemi.

L'ordigno in un primo momento era stato scambiato  con un vecchio termos, ma è bastato poco per capire che ci si trovava di fronte a una bomba. Sono stati chiamati prontamente i Carabinieri che hanno riposizionato in sicurezza l'ordigno in attesa che ne venga disposta la brillatura.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento