CastelliToday

Ristrutturare casa a Monte Compatri costa di meno

Il Consiglio comunale di Monte Compatri ha approvato una delibera con cui ha diminuito fino al 65% le tariffe per gli oneri di urbanizzazione in caso di ristrutturazione degli immobili

Buone notizie per i proprietari di immobili ed edifici nel comune di Monte Compatri, ora le ristrutturazioni costeranno di meno grazie alla diminuzione delle tariffe degli oneri di urbanizzazione.

Gli oneri di urbanizzazione non sono altro che i contributi dovuti per chi intende realizzare nuovi edifici, ampliarne di già esistenti o per opere di ristrutturazione e si dividono in oneri di urbanizzazione primaria che vanno a finanziare la realizzazione per esempio di strade, spazi di sosta o parcheggio, fognature, reti di distribuzione (elettricità, acqua, gas), cavidotti per telecomunicazioni, illuminazione pubblica, spazi di verde attrezzato e di urbanizzazione secondaria che includono i servizi come asili e scuole, impianti sportivi di quartiere, aree verdi di quartiere, centri sociali e culturali.

Con l'intento di privilegiare la ristrutturazione per dire stop al consumo di suolo, rispondere alle nuove esigenze abitative della città e rilanciare l’economia del territorio il Consiglio comunale di Monte Compatri ha approvato le nuove tabelle sugli oneri di urbanizzazione che ha invertito la tendenza di molti comuni e ha previsto una sensibile riduzione delle tariffe.

 

Per tutti gli interventi di riqualificazione del patrimonio immobiliare e demolizione e ricostruzione, infatti, è stato tagliato il costo per l’intervento: "La riduzione va dal 50 al 65% in ogni zona prevista dal piano regolatore generale e per qualunque tipologia e destinazione d’uso - ha spiegato l’assessore all’Urbanistica, Fabio D’Acuti,  presentando la delibera in Consiglio comunale - Si punta a valorizzare le strutture presenti attraverso l’esborso di minori somme per l’adeguamento dell’esistente”.

Le nuove tariffe che sono state approvate con ben 9 voti favorevoli e un solo astenuto cercheranno di sostenere il settore edile da tempo in crisi in tutta la Regione Lazio: “L’unica strada – ha affermato il primo cittadino di Monte Compatri Marco De Carolis – per dare respiro alle imprese e favorire quegli interventi che i cittadini chiedono in base a nuove esigenze familiari, era questa di abbassare i canoni. La mia amministrazione c’è riuscita”.

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • Sos pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento