CastelliToday

Ariccia candidata per poche ore a ospitare il vertice arabo-palestinese

Ariccia è stata per poche ore candidata ad ospitare il vertice internazionale sul processo di pace in Medio-Oriente. Questo quanto emergeva da un'intervista del Presidente Berlusconi in Israele, ma in realtà la cittadina prescelta era Erice ed Ariccia è saltata fuori per un errore di traduzione

Domenica il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, in visita ufficiale in Israele, ha rilanciato l’idea di ospitare in Italia il vertice internazionale sul processo di pace arabo-palestinese, secondo quanto dichiarato al quotidiano israeliano Haaretz.

Fin qui nulla di strano se non si fosse generato un equivoco sulla città deputata ad ospitare tale meeting internazionale. L'interprete che faceva da tramite tra il Presidente Berlusconi e il giornalista traduce che la cittadina scelta per ospitare l'evento è Ariccia, che tutti sanno essere un piccolo centro turistico nei Castelli Romani.

Ovviamente l’amministrazione comunale ha accolto subito con orgoglio quanto riportato sul più importante quotidiano israeliano e per voce del suo sindaco Emilio Cianfanelli si è resa subito disponibile ad ospitare capi di stato e di governo sul suo territorio: “La città di Ariccia è profondamente onorata  per essere stata candidata dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ad ospitare i colloqui di pace arabo-israeliani. Il Comune di Ariccia a tal fine mette a disposizione la meravigliosa cornice del principesco Palazzo Chigi di Ariccia alle porte di Roma".  "

Siamo pronti - ha concluso il primo cittadino ariccino- ad accogliere questo importante avvenimento nella nostra città, che fu dimora dei principi Chigi e laboratorio creativo del maestro Gian Lorenzo Bernini, che ad Ariccia realizzò con la Collegiata dell’Assunta il prototipo della Basilica di San Pietro”. 

Peccato però che il Presidente del Consiglio non abbia mai pensato ad Ariccia come sede di un vertice mondiale e non ne ha mai fatto menzione a nessun quotidiano israeliano perché la città designata era ed è Erice, già nota per i suoi centri di studio e di ricerca sulle tematiche internazionali.

Infatti Ariccia è stata citata ed è stata per poche ore sulla ribalta internazionale solamente per un errore di traduzione dell'interprete che non si è accorto dell’imprecisione, forse perché non ha sentito bene, e ha tradotto Erice con Ariccia creando così un piccolo giallo a latere di una visita ufficiale del Presidente del Consiglio che pur essendo noto per le sue gaffe internazionali, stavolta è stato del tutto inconsapevole del malinteso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • Sciopero Roma Tpl, lunedì 18 novembre a rischio i bus in periferie: orari e fasce di garanzia

  • Pizza Awards Italia 2019, Roma stupisce: ecco le migliori pizze della Capitale (e del Lazio)

  • Sushi "all you can eat" a Roma: 10 ristoranti giapponesi da provare

  • Incidente a Romanina: scontro tra auto, morta una mamma. Grave la figlia

Torna su
RomaToday è in caricamento