Castelli Today

Ariccia: la nuova biblioteca multimediale negli Stalloni Chigi

Gli Stalloni Chigi completano il complesso chigiano di Ariccia e sono stati restaurati grazie a un finanziamento regionale e nelle prossime settimane verranno attivati i servizi della nuova biblioteca

Il taglio del nastro degli Stalloni Chigi

Lo scorso 5 dicembre l’amministrazione comunale di Ariccia ha tagliato il nastro della sede della nuova biblioteca multimediale attiva che ha trovato la giusta collocazione negli Stalloni Chigi, uno dei tanti beni ariccini appartenuto alla nobile famiglia, che è stato restaurato e reso fruibile per la cittadinanza.

I lavori di recupero conservativo sono iniziati nel 2011 e hanno permesso la valorizzazione tramite una particolare illuminazione del colonnato che divide la struttura in tre navate e del pavimento di selciato mantenuto intatto grazie ad un cristallo calpestabile antiscivolo, segni distintivi della struttura originaria progettata da Carlo Fontana e costruita tra il 1665 e il 1668.

Gli Stalloni Chigi che accoglieranno la nuova biblioteca hanno una superficie di 228 mq e sono stati acquistati grazie a un primo finanziamento regionale di 300mila euro con cui si è anche provveduto al restauro del tetto e delle facciate dell’intero immobile.

La Biblioteca Multimediale Attiva entrerà in funzione nelle prossime settimane e si avvarrà per la sua apertura al pubblico dell’ausilio prezioso delle realtà associative di volontariato. Avrà un preciso indirizzo, che è quello seguito da Ariccia in questi anni, legato all’arte specialmente quella contemporanea.

“Quest’ultimo intervento di acquisto e restauro – ha dichiarato il Sindaco di Ariccia Emilio Cianfanelli – ci permette di affermare con grande soddisfazione di aver quasi interamente acquisito alla proprietà comunale e reso fruibile ai cittadini il Patrimonio Chigiano ad Ariccia che comprende Palazzo Chigi e i 28 ettari di Parco, i Casini laterali alla Collegiata dell’Assunta su Piazza di Corte e gli Stalloni ovvero le scuderie dei principi”.

“Un lavoro appassionato portato avanti con determinazione sin dal 1988, anno di acquisto di Palazzo e Parco Chigi, e al quale abbiamo aggiunto tutti i tasselli che oggi ricompongono la magnificenza e i fasti di una delle famiglie più importanti dell’epoca. Stalloni che nobilitiamo rendendoli la sede della biblioteca comunale multimediale, la prima ai Castelli”, conclude il primo cittadino.