CastelliToday

Frascati: fototrappole contro le minidiscariche abusive

Il commissario straordinario Bruno Strati ha approvato il progetto il progetto "Monistreet - Iniziative per il monitoraggio del territorio, il decoro urbano e la riduzione dei rifiuti", finanziato con contributo della Citta Metropolitana di Roma Capitale

Foto di repertorio

Mai più discariche abusive e accumuli di rifiuti nel territorio di Frascati, i responsabili potranno presto essere identificati attraverso un sistema di cosiddette "fototrappole". Il commissario straordinario di Frascati Bruno Strati ha dato il via libera al progetto "Monistreet – Iniziative per il monitoraggio del territorio, il decoro urbano e la riduzione dei rifiuti", finanziato con contributo della Citta Metropolitana di Roma Capitale.

Il progetto Monistreet, oltre a prevedere alcuni strumenti per premiare le azioni virtuose dei cittadini di Frascati, doterà l’Amministrazione Comunale di alcuni strumenti innovativi per combattere il fenomeno della migrazione dei rifiuti e delle mini discariche abusive. 

Tra questi ci sono proprio le fototrappole, posizionabili in diverse zone periferiche, funzionanti senza fili e senza necessità di allaccio alla rete elettrica, dotate di sensori ad infrarossi, che controlleranno le aree più a rischio e andranno in dotazione alla Polizia Municipale, d’intesa con le associazioni cittadine che si occupano al contrasto del fenomeno. 

Questi strumenti tecnologicamente avanzati saranno attivati da sensori di movimento e nelle aree provviste di copertura GSM potranno allertare il personale addetto via sms quando viene effettuata una ripresa, quando la batteria è scarica o la scheda di memoria è piena.  Si potranno controllare zone differenti del territorio contemporaneamente, cambiando anche i luoghi del monitoraggio, in quanto le fototrappole sono tutte riposizionabili. 

Soddisfatto dell'avvio di questo progetto per la prevenzione dell'abbandono dei rifiuti l'ex assessore all'ambiente Simone Carboni: "Ho letto con attenzione il comunicato dell'amministrazione comunale relativo all'imminente acquisto di alcune fototrappole atte a svelare finalmente le identità di non pochi individui che usano abbandonare i propri rifiuti nelle nostre periferie – ha dichiarato Simone Carboni esponente della lista civica Fare Per Frascati - Non posso che essere soddisfatto che l'intuizione nata e in parte finanziata durante il mio assessorato sia finalmente arrivata a concretizzarsi".

"La videosorveglianza è a mio avviso il solo modo per individuare e perseguire tutti quegli individui che quasi quotidianamente attuano comportamenti scorretti verso il nostro territorio. Auspico – continua Carboni - che il prossimo Sindaco, indipendentemente da chi sarà possa proseguire nella strada dei monitoraggi sistematici sia in centro ma soprattutto nella periferia. Monitoraggio essenziale su cui Fare per Frascati – conclude l'esponente del gruppo politico tuscolano - sta dedicando parte della sua attività producendo a breve una soluzione che cambierà radicalmente il modo di prevenire i comportamenti scorretti di cui Frascati è oggi vittima".
 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

Torna su
RomaToday è in caricamento