CastelliToday

Genzano: chiude l'ufficio del giudice di pace, rimpallo di accuse tra PD e M5s

Dal primo giugno gli uffici del Giudice di Pace di Genzano, Albano, Anzio e Frascati, già accorpati all'Ufficio del Giudice di Pace circondariale di Velletri - sede di Genzano, verranno trasferiti nella sede di Albano

Foto di repertorio

Riorganizzazione in vista per gli uffici periferici della procura di Velletri.  Dal primo giugno gli uffici del Giudice di Pace di Genzano, Albano, Anzio e Frascati, già accorpati all’Ufficio del Giudice di Pace circondariale di Velletri - sede di Genzano di Piazza Ottavio Nicola, verranno trasferiti nella sede del tribunale di Alba

Il Partito Democratico di Genzano ha duramente attaccato l'attuale amministrazione pentastellata accusata di non aver operato attivamente per bloccare il trasferimento degli uffici: "Un altro grande successo a cinque stelle – si legge in una nota di stampadel Partito democratico genzanese – che fa perdere alla città anni di lavoro e di impegno delle precedenti Amministrazioni comunali per valorizzare i locali dell’ex Pretura, arrecando un danno all’economia, in termini di indotto, e al prestigio della città. L’intera operazione infatti è avvenuta davanti alla totale assenza e inerzia del Sindaco e della maggioranza in quanto non si hanno notizie della presenza del Sindaco alle riunioni della conferenza permanente del 29 luglio e del 24 ottobre 2016 dove è stato deciso il trasferimento ad Albano".

"Fatto altrettanto grave è poi la presa in giro dell’intero Consiglio comunale di Genzano che lo scorso 30 novembre è stato chiamato dalla maggioranza a votare un Ordine del giorno in difesa della sede di Genzano, tacendo però il fatto che la decisione fosse già stata presa e che il Presidente del Tribunale di Velletri avesse già emesso il decreto di trasferimento con efficacia immediata. Riteniamo ignobile un simile comportamento, con la maggioranza che si prende gioco del Consiglio comunale e della città intera.  Questa è la trasparenza e l’onestà che tanto decantano”, conclude il PD. 

Non si è fatta attendere la risposta del primo cittadino dell'M5S, Daniele Lorenzon:  "Leggo con stupore che una decisione del governo, e più precisamente del ministero della Giustizia, viene attribuita al mio operato - scrive il sindaco sul suo profilo Facebook -  L'accorpamento degli uffici dei Giudici di Pace di Albano Laziale, Anzio, Frascati, Genzano e Segni presso la sede di Velletri è stato disposto dalla spending review del 2012. La decisione di spostare temporaneamente gli uffici nella sede di Genzano è stata presa dal Tribunale di Velletri, quello stesso Tribunale che ha poi predisposto lo spostamento, sempre temporaneo, ad Albano".

"Voglio ricordare che questa amministrazione non solo ha partecipato alle riunioni della Conferenza permanente del 29 luglio e del 24 ottobre, ma ha anche chiesto più volte al Tribunale di Velletri di mantenere la sede a Genzano, richiesta peraltro rigettata", chiosa il sindaco.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scontri Liverpool Roma: i due ultras della Roma a processo il 24 maggio

  • Politica

    Referendum Atac: "Lo spostiamo per ampliare le tutele dei cittadini. Nessuno sarà privato di alcun diritto"

  • Cronaca

    Testata al giornalista, Roberto Spada: "Mi vergogno, chiedo scusa a tutti"

  • Cronaca

    Scacco alla banda di Prima Porta: così gestivano lo spaccio di Roma Nord

I più letti della settimana

  • 25 aprile: dal Centro a Tor Cervara, ecco le deviazioni degli autobus

  • Sciopero, domani stop a 10 linee in periferia

  • Mafie: 93 i clan nel Lazio, 11 solo a Tor Bella Monaca. Ecco le piazze di spaccio a Roma

  • Tragedia nel parco: fa jogging e scopre corpo di donna carbonizzato a Tre Fontane

  • 25 aprile a Roma: gli eventi nel giorno della Festa della Liberazione

  • Muore di aneurisma ma per i medici era mal di schiena: chiesta relazione al policlinico Casilino

Torna su
RomaToday è in caricamento