CastelliToday

Via Del Divino Amore è una discarica a cielo aperto

L'incrocio tra Via del Divino Amore e Via Ardeatina, strade di competenza della Città Metropolitana, è diventata una vera e propria discarica a cielo aperto

I rifiuti abbandonati a Via del Divino amore

Una vera e propria discarica a cielo aperto con comuli di rifiuti abbandonati: questo lo scenario che si presenta all'incrocio tra Via del Divino Amore e Via Ardeatina, non lontano dal celebre santuario meta di turisti e pellegrini. Le due strade di competenza dell'ex provincia sono ora sotto la gestione della Città Metropolitana, ma procedere con la raccolta dei rifiuti è un rebus di competenze tra enti locali, una situazione analoga a quella che ormai da anni si protrare tra Via Ardeatina e Via Cancelliera.

La denuncia del Consigliere metropolitano Massimiliano Borelli (PD)

Il degradodi Via del Divino Amore è stato oggetto di attenzione da parte del Consigliore della Città Metropolitana Massimiliano Borelli, esponente del Partito Democratico: “Da anni continuo a segnalare il degrado causato dall’abbandono di rifiuti lungo le strade ex provinciali del quadrante a sud di Roma. Adesso la situazione emergenziale riguarda via del Divino Amore all’altezza dell’incrocio con via Ardeatina. Cumuli di rifiuti sono presenti ormai nei due lati della carreggiata, offrendo un pessimo biglietto da visita della nostra città e a pochi metri dal famoso Santuario. Ci manca poco che la via venga ribattezzata via del Divino amore. “

"HO scritto l’ennesima denuncia agli Enti competenti - continua Borelli -  Sono stanco del rimpallo di competenze tra Enti, governati dalla medesima forza politica, e nell’espressione massima dalla stessa persona, visto che la Raggi è Sindaco di Roma e della Città Metropolitana, ha delega all’Ambiente nella Capitale e alla viabilità nella Città metropolitana ! Mi piacerebbe sapere cosa sta raccontando in questi giorni a Tokio ai Sindaci delle metropoli mondiali, e quali esempi di buone prassi sta portando ad esempio, soprattutto sui temi della sostenibilità ambientale, viabilità e rifiuti".

"Non si riesce nemmeno a concordare chi debba ripulire, ma soprattutto chi debba fare opera di contrasto contro l’inciviltà di pochi. In rete sempre più spesso la Raggi pubblica video su questo negativo fenomeno, ma sembra mera propaganda, assolutamente ininfluente per arginarlo. Manca completamente il controllo del territorio, che deve essere fatto con mezzi elettronici, ma anche e soprattutto con il personale addetto. E chissà che fine ha fatto il progetto che prevedeva l’attivazione di telecamere posizionate sui pali della pubblica illuminazione della vicina rotatoria anche come deterrente per la circolazione dei TIR, altro nodo irrisolto di quell’area. “

Potrebbe interessarti

  • Atac: tutti gli abbonamenti agevolati

  • Il miglior pane d'Italia: il Gambero Rosso premia due forni di Roma con il massimo dei voti

  • Distributori di Benzina "No Logo": dove il pieno costa meno

  • The Court, nasce un nuovo cocktail bar con vista mozzafiato sul Colosseo

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro e bus a rischio. Gli orari e tutte le informazioni

  • Terremoto Roma: scossa avvertita in diverse zone della città. Epicentro a Colonna

  • Sciopero a Roma, martedì 25 giugno metro e bus a rischio: tutte le informazioni

  • Atac: tutti gli abbonamenti agevolati

  • Uccide la moglie e poi si spara: i due coniugi non riuscivano a pagare l’affitto

  • Il miglior pane d'Italia: il Gambero Rosso premia due forni di Roma con il massimo dei voti

Torna su
RomaToday è in caricamento