CastelliToday

La comunità cinese dei Castelli Romani "chiusa per ferie"

Tra gli effetti collaterali del diffondersi del Coronavirus c'è la chiusura quasi in concomitanza dei negozi cinesi e ristoranti nei Castelli Romani

Un negozio cinese a Pavona di Albano "chiuso per ferie"

Tra cinema, teatri, palestre e luoghi di aggregazione chiusi per decreto a balzare agli occhi in molti comuni dei Castelli Romani da Albano a Frascati, da Marino a Velletri è la chiusura spontanea delle attività commerciali gestite dalla comunità cinese.

In gran parte dei tipici negozi cinesi, molto spesso punto di riferimento di interi quartieri, sono comparsi in questi giorni i cartelli "chiuso per ferie" con un periodo di chiusura che varia dalle due settimane ai venti giorni. Una sorta di quarantena volontaria della comunità cinese, purtroppo soggetta nelle ultime settimane a fenomeni di stampo razzista e un drastico calo delle vendite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A chiudere i battenti temporaneamente anche alcune attività di ristorazione orientale sebbene in molti casi i gestori vivono in Italia da tempo e non facciamo ritorno in Cina da tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

  • Coronavirus, 36 nuovi contagiati a Roma: 3186 gli attuali positivi nel Lazio. Trend per la prima volta è al 3%

Torna su
RomaToday è in caricamento