CastelliToday

Albano, caso Simply: proroga di altri 20 giorni, poi la chiusura coatta

La proroga dell'ordinanza di chiusura per smaltire le derrate alimentari ancora presenti nel punto vendita poi in caso di inadempienza si procederà alla chiusura coatta del punto vendita privo di autorizzazioni dal mese di settembre

L'ingresso del punto vendita Simply di Albano

Il caso della chiusura del supermercato Simply di Albano sembra non avere ancora fine: l'esercizio commerciale di via Parco della Rimembranza doveva chiudere i battenti per compravate irregolarità strutturali e urbanistiche che avevano portato alla revoca della licenza commerciale lo scorso 26 marzo, ma una nuova ordinanza comunale ha concesso una proroga per la chiusura di ulteriori 20 giorni per lo smaltimento delle derrate alimentari, poi in caso di inadempienza si procederà alla chiusura coatta.

Sia accertamenti degli uffici tecnici del Comune di Albano che una serie di sentenze del tribunale amministrativo del Lazio e del Consiglio di Stato hanno verificato la presenza di abusi edilizi nei locali che ospitano la struttura. I lavori di adeguamento di questi che prima ospitavano un'autorimessa sono risultati non conformi ai permessi rilasciati, portando il Comune a revocare lo scorso 19 settembre 2013 l'autorizzazione allo svolgimento dell'attività commerciale rilasciata nel dicembre 2009. Dal mese di settembre a oggi il punto vendita di Via Parco della Rimembranza, ha continuato a svolgere l'attività di vendita abusivamente, come si può ben leggere nel testo dell'ordinanza pubblicato nell'albo pretorio comunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ulteriore proroga concessa per  l'apertura deriva da una richiesta della dirigenza milanese della catena di supermercati per portare a esaurimento le derrate elementari deperibili e fresche ed evitare problematiche di carattere igienico-sanitario. Il Comune concedendo la proroga è molto chiaro: in caso di inottemperanza della chiusura tra venti giorni si dà incarico alle autorità di pubblica sicurezza di procedere alla chiusura coattiva dei locali commerciali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

  • Omicidio a Marconi: colpito da una coltellata, morto 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento